Post-Prozac Nation, nel trattamento della depressione.

Post-Prozac Nation, nel trattamento della depressione.

Con Siddhartha Mukherjee

19 Aprile 2012

Pochi farmaci, nella storia dei prodotti farmaceutici, sono stati accolti con tanto esultanza come una pillola verde e nero contenente 20 milligrammi di fluoxetina cloridrato – la sostanza chimica che conosciamo come il Prozac. Nel suo 1994 libro “Prozac Nation,” Elizabeth Wurtzel ha scritto di un’esperienza quasi trascendente sulla droga. Prima ha iniziato il trattamento con antidepressivi, viveva in “un programma per computer di negatività totale. l’assenza di effetto, assenza di sensazione, assenza di risposta, assenza di interesse “. Fluttuò da una” reverie suicida “al successivo. Eppure, solo poche settimane dopo l’inizio del Prozac, la sua vita è stata trasformata. “Una mattina mi sono svegliato e davvero voleva vivere. Era come se miasmi della depressione aveva sollevato me, nello stesso modo che la nebbia di San Francisco sorge come il giorno indossa. Era il Prozac? Nessun dubbio.”

Ma questa teoria è stato ampiamente criticato. In The New York Review of Books, Marcia Angell, ex redattore di The New England Journal of Medicine, ha scritto: “Dopo decenni di tentativi di dimostrare [la teoria chimico-squilibrio], i ricercatori non sono ancora venuti a mani vuote.” Jonathan Rottenberg, scrivendo in Psychology Today, infilzato l’idea così: “in qualità di impresa scientifica, la teoria che la serotonina bassa causa la depressione sembra essere sull’orlo del collasso. Questo è come dovrebbe essere; la natura della scienza è in ultima analisi, di essere auto-correzione. Le idee devono cedere prima di prove “.

È la “serotonina ipotesi” di depressione davvero morto? Abbiamo trascorso quasi 40 anni di scendere un percorso solo per scoprire se stessi non più vicino a rispondere alla domanda come e perché si diventa depressi? Dobbiamo ora ripartire da zero e trovare una nuova teoria per la depressione?

La scienza può essere auto-correzione, ma a volte overcorrects – scartando le teorie che devono invece essere ringiovanito. L’ultima ricerca suggerisce che la serotonina è, infatti, fondamentale per il funzionamento dello stato d’animo, anche se il suo meccanismo d’azione è molto più sottile e più magnifico di quanto abbiamo mai immaginato. Prozac, Paxil e Zoloft possono non rivelarsi i “farmaci miracolosi” che una volta erano pubblicizzati. Ma essi hanno drasticamente migliorato la nostra comprensione di ciò che la depressione è e come trattarla.

Questi primi risultati hanno portato gli psichiatri di proporre una nuova ipotesi radicale circa la causa e il trattamento della depressione. La depressione, sostenevano, era il risultato di un “squilibrio chimico” di neurotrasmettitori nel cervello. Nel cervello normale, la serotonina la spola tra i neuroni umore mantenendo, segnalando la loro funzione appropriata. Nel cervello depresso, questo segnale era in qualche modo andato storto. Lo scrittore Andrew Solomon volta suggestivamente descritto la depressione come un “difetto in amore” – e certamente, i medici che utilizzano Raudixin presso la Duke aveva visto quella falla emergere cupo in tempo reale: difetti in amore di sé (senso di colpa, la vergogna, pensieri suicidi), amore per gli altri (colpa, l’aggressività, accusa), anche l’estinzione di un desiderio di amore (letargia, ritiro, ottusità). Ma questi erano solo i sintomi esterni di un fallimento più profondo di neurotrasmettitori. Il “difetto in amore” è stato un difetto in prodotti chimici.

Nel 2003, a Boston, Ho iniziato il trattamento di una donna di 53 anni con carcinoma pancreatico avanzato. Dorothy non ha avuto problemi di salute fino a quando ha sviluppato un segno minaccioso noto ad ogni specialista del cancro: ittero indolore, l’ingiallimento improvvisa di pelle senza alcuna pizzico associato di disagio. ittero senza dolore può avere molte cause, ma quello che gli oncologi conoscono meglio, e temono di più, è il cancro al pancreas.

In caso di Dorothy, la massa nel pancreas si è rivelata grande e dalla forma a pugno, con le estensioni maligne che hanno raggiunto indietro per i vasi sanguigni presa, e una metastasi solitaria nel fegato. La rimozione chirurgica era impossibile, la chemioterapia l’unica opzione.

Nelle prime settimane, abbiamo aspettato vigile, e non è successo niente. Ma quando l’ho vista di nuovo in clinica dopo un mese e mezzo, ci sono stati cambiamenti notevoli. I suoi capelli era pulito e stile. I suoi tagli erano scomparse, e la sua pelle sembrava buono. Eppure si sentiva ancora triste oltre misura, ha detto. Ha trascorso le sue giornate per lo più a letto. Il farmaco certamente influenzato molti dei sintomi della depressione, ma non aveva alterato il “sentimento” personale di esso. E ‘guarito i difetti nella sua pelle, ma non tutti i difetti di amore.

Ogni lettore sana di questo caso sosterrebbe che uno squilibrio della serotonina non è stata la causa iniziale della depressione di Dorothy; era, in tutta evidenza, la diagnosi di una malattia fatale. Dovremmo essere alla ricerca di una causa chimica e la cura quando la provocazione del dolore è così evidente?

Ma una tale linea di indagine non può dirci se l’assenza di serotonina cause depressione. Per questo, abbiamo bisogno di sapere se gli uomini e le donne depresse hanno livelli più bassi di misurabile serotonina o serotonina-metaboliti (sottoprodotti della ripartizione della serotonina), nel loro cervello. Nel 1975, patologi eseguite autopsie su pazienti depressi per misurare i livelli di serotonina. I risultati iniziali erano suggestivo: i pazienti depressi in genere tendevano ad avere livelli più bassi di serotonina nel cervello rispetto ai controlli. Ma nel 1987, quando i ricercatori in Scandinavia eseguito un esperimento simile con strumenti nuovi per misurare la serotonina in modo più accurato, i livelli di serotonina sono risultati più elevati nei pazienti depressi. Ulteriori esperimenti approfonditi solo queste contraddizioni. In alcuni studi, i pazienti depressi sono stati trovati ad avere livelli di serotonina sono diminuiti; in altri, è stata aumentata la serotonina; in altri ancora, non vi era alcuna differenza a tutti.

Che dire l’esperimento inverso? Nel 1994, i soggetti di sesso maschile della McGill University di Montreal è stata data una miscela chimica che abbassa la serotonina. I medici hanno poi misurato le fluttuazioni dell’umore degli uomini come livelli di serotonina immersa nel sangue. Anche se la serotonina è stata esaurita, la maggior parte di loro hanno sperimentato alterazioni significative nel loro stato d’animo.

Altri esperimenti hanno dimostrato che se i pazienti depressi in genere non hanno avuto livelli sempre più bassi di serotonina, pazienti suicidi spesso ha fatto. Potrebbe contemplare il suicidio è la forma più estrema di depressione? O è un sottotipo specifico di disturbo dell’umore che si distingue da tutte le altre forme? E se è così, potrebbe depressione avere più sottotipi – alcuni intrinsecamente sensibili al trattamento con farmaci serotonina-miglioramento e alcuni intrinsecamente resistenti?

Noi non possono capire come la serotonina che migliorano antidepressivi lavoro, ma facciamo a sapere se funzionano a tutti?

Alla fine del 1980, gli studi hanno esaminato l’effetto del Prozac su soggetti depressi. Molti di questi studi ha mostrato il Prozac ha ridotto i sintomi della depressione in confronto con un placebo. La depressione è di solito valutata utilizzando una scala di valutazione standardizzata dei sintomi diversi. In generale, alcuni pazienti hanno riportato miglioramenti clinicamente significativi, anche se gli effetti erano spesso piccole e varia da prova a prova. In termini reali, un tale cambiamento potrebbe essere profondo: una trasformazione in ansia, il sollevamento del mal di colpa, la fine del desiderio di suicidarsi. Ma per gli altri pazienti, i cambiamenti sono stati marginali. Forse il numero più importante che è emerso da questi studi è stato il più soggettivo: il 74 per cento dei pazienti ha riferito di sentirsi “molto” o “molto” meglio su antidepressivi.

Nel 1997, uno psicologo, Irving Kirsch, attualmente presso la Harvard Medical School, di cui a guardare l’effetto placebo in relazione alla depressione. In parte, l’effetto placebo funziona perché la psiche modifica profondamente la percezione di malattia o di benessere. Kirsch si chiedeva quanto sia potente questo effetto potrebbe essere per i farmaci che curano la depressione – in cui la condizione medica in sé capita di coinvolgere una alterazione della psiche.

Ma ci sono problemi in analisi gli studi pubblicati e non pubblicati in un Una prova potrebbe essere stato inedita non solo per nascondere gli effetti minore, ma perché la sua qualità era scadente “meta-trial.” – Perché i pazienti sono stati arruolati in modo non corretto, i gruppi sono stati assegnati in modo improprio o la coorte dimensioni erano troppo piccoli. I pazienti che sono un po ‘depresso, per esempio, potrebbero essere stati confusi con pazienti gravemente depressi o con ossessivi-compulsivi e schizofrenici.

Questi scivolose, studi apparentemente contraddittorie convergono su un’immagine sorprendentemente coerente. In primo luogo, i pazienti con grave depressione tendono a rispondere più significato agli antidepressivi, mentre i pazienti con depressione moderata o lieve non lo fanno. In secondo luogo, nella maggior parte di coloro che rispondono, serotonina molto probabilmente gioca un ruolo importante, perché riducono serotonina nei pazienti depressi spesso causa recidive. E in terzo luogo, il cervello-as-zuppa teoria – con il cervello depresso semplicemente privo di serotonina – era troppo ingenuo.

Come è spesso il caso nel campo della scienza, una nuova teoria è emerso da una linea radicalmente diversa di indagine. Alla fine del 1980, un neuroscienziato di nome Fred Gage si è interessata in una domanda che sembrava, in un primo momento, periferiche alla depressione: fa il cervello umano adulto di produrre nuove cellule nervose?

STATI di appagamento Un sondaggio di livelli di risate, divertimento e felicità, così come la preoccupazione, tristezza, stress e la rabbia dei rispondenti.

Il contrario si è rivelato essere vero. Quando i topi sono alloggiati in un ambiente “arricchito” – tipicamente contenenti labirinti, materiali per i nidi e giocattoli – diventano più attivi e avventurosi. Esplorano più; imparano più velocemente; cercano il piacere. Arricchimento, insomma, agisce come un antidepressivo comportamentale. Quando Gage ha esaminato il cervello di questi topi arricchiti, ha scoperto che più neuroni erano nati nell’ippocampo.

Gallina ha cominciato a nutrire la sua topi Prozac. Nei prossimi giorni, i loro comportamenti cambiati: l’ansia che avevano esposto diminuita, e il topo è diventato più avventurosi. Si guardarono per il cibo in ambienti nuovi e si sono affrettati ad adottare comportamenti appena apprese. E neuroni neonati apparso nell’ippocampo esattamente nella posizione in cui Gage trovato con i topi arricchito l’ambiente. Ma quando Gallina selettivamente bloccato la nascita dei neuroni nell’ippocampo, l’avventuroso e gli istinti alimentare esplorazione dei topi nutriti Prozac-svanirono. effetti positivi del Prozac, in altre parole, dipendeva dalla nascita di cellule nervose nel ippocampi di questi topi.

E come, esattamente, potrebbe la morte dei neuroni nel piccolo omento dell’ippocampo (una parte del cervello tipicamente associati con la memorizzazione di memoria) causare questo disturbo dell’umore? Tradizionalmente, pensiamo che le cellule nervose nel cervello possono formare minuscoli “circuiti” biologici che regolano comportamenti. Un insieme di cellule nervose, per esempio, potrebbe ricevere segnali per spostare la mano e poi trasmettere questi segnali ai muscoli che causano movimento della mano. È facile immaginare che la disfunzione di questo circuito potrebbe comportare un disturbo del movimento. Ma come fa un circuito di nervi a regolare l’umore? Potrebbe un grande magazzino del circuito, per esempio, alcune regole circa l’adattamento allo stress: che cosa dire o fare o pensare quando si è malati e nausea e di fronte alla morte e tuo figlio si è spostata un cuscino? Ha una tale degenerazione provocare un segnale di panico nel cervello che goaded reverie mortale di Wurtzel: morte cellulare che porta a pensieri di suicidio.

E come, allora, la nascita di cellule guarire questa sensazione? Sono nuovi circuiti formati che ripristinare la vitalità, rigenerante comportamenti che sono adattativi e non distruttivo? E ‘questo il motivo per cui il Prozac o Zoloft prende due o tre settimane per iniziare a lavorare: per diventare “senza esercitare una pressione,” dobbiamo aspettare la lenta rinascita nuove parti del cervello?

Se una risposta a queste domande esiste, può emergere dal lavoro di Helen Mayberg, neuroscienziato alla Emory University. Mayberg è stato mappando le aree anatomiche del cervello che sono o iperattivo o inattivi in ​​uomini e donne depresse. Tracing tali siti la condussero al cingolo subcallosal, un fascio minuscola di cellule nervose che si trovano nei pressi del ippocampo e funzionare come un condotto tra le parti del cervello che controllano il pensiero cosciente e le parti che controllano l’emozione. Pensate al cingolo subcallosal come un potenziale di intersezione del traffico sulla strada tra il nostro io cognitivi ed emotivi.

Quando Mayberg stimolato questa zona del cervello con piccole esplosioni di energia elettrica utilizzando sonde in pazienti resistenti alla terapia antidepressiva, ha trovato tassi di risposta notevoli: circa il 75 per cento di loro ha sperimentato potenti cambiamenti nei loro stati d’animo durante il test. Secondi dopo la stimolazione iniziato, molti pazienti, alcuni dei quali praticamente catatonica con la depressione, segnalato un “calma improvvisa” o Lo stimolatore può essere impiantato in pazienti e funziona come un pacemaker depressione “scomparsa del vuoto.”: Continua per alleviare la loro sintomi per anni. Quando la batteria è scarica, pazienti con recidive lentamente nella depressione.

A prima vista, gli studi di Mayberg sembrerebbero escludere l’ipotesi della serotonina. Dopo tutto, era elettrica, non chimica, la stimolazione che ha alterato l’umore. Ma la risposta alla stimolazione elettrica del Mayberg sembrava anche essere legata alla serotonina. Il cingolato subcallosal è particolarmente ricco di cellule nervose che sono sensibili alla serotonina. I ricercatori hanno trovato che, se hanno bloccato il segnale di serotonina nel cervello dei topi depressi, il pacemaker non funzionava più.

Una teoria notevole e innovativo per la depressione emerge da questi studi. Forse alcune forme di depressione si verificano quando uno stimolo – la genetica, l’ambiente o stress – provoca la morte delle cellule nervose nell’ippocampo. Nel cervello non depresso, circuiti di cellule nervose nell’ippocampo possono inviare segnali al cingolo subcallosal a regolare l’umore. Il cingolato integra poi questi segnali e li trasmette alle parti più consapevoli del cervello, consentendo in tal modo noi registriamo i nostri stati d’animo o agire su di essi. Nel cervello depresso, nervoso morte e l’ippocampo sconvolge questi segnali – con un po ‘spento e altri acceso – e sono infine registrati consciamente come il dolore e l’ansia. “La depressione è il dolore emotivo senza contesto”, ha detto Mayberg. In un cervello non depresso, ha detto, “è necessario l’ippocampo per contribuire a porre una situazione con una componente emotiva in un contesto” – per raccontare il nostro cervello cosciente, per esempio, che la perdita di amore dovrebbe essere vissuto come il dolore o la perdita di un lavoro come ansia. Ma quando i malfunzionamenti ippocampo, forse il dolore emotivo possono essere generati e amplificate dal contesto – come il programma informatico di Wurtzel di negatività che continua a funzionare senza provocazione. Il “difetto in amore” diventa allora autonoma e auto-avvera.

Ma le implicazioni più profonde hanno a che fare con il modo di capire il legame tra la crescita dei neuroni, i cambiamenti di umore e l’alterazione del comportamento. Forse antidepressivi come il Prozac e il Paxil principalmente alterano comportamentale circuiti nel cervello – in particolare i circuiti profondi nell’ippocampo dove i ricordi ei comportamenti appresi vengono memorizzati e organizzati – e cambiare di conseguenza l’umore. Se il Prozac helped Dorothy dormire meglio e le impediva di aver aggredito la sua pelle, il suo umore potrebbe finalmente aver guarito come una risposta alle proprie alterazioni del comportamento? Potrebbe Dorothy, insomma, hanno creato il proprio effetto placebo? Quanto di stato d’animo è un comportamento comunque? Forse il tuo cervello ti fa “agire” depresso, e poi si “sente” depresso. Oppure si sente depresso in parte perché il vostro cervello sta facendo agire depresso. Pensieri come questi trascendono rapidamente psichiatria e si muovono in ambiti più inaspettati e inquietanti. Potrebbero iniziare a disturbi dell’umore, ma trasformarsi rapidamente alle domande circa l’assetto organizzativo del cervello.

Un articolo del 22 aprile sulla depressione e farmaci utilizzati per trattarlo erroneamente identificato un farmaco che colpisce i livelli di serotonina nel cervello. Si iproniazide, non isoniazide.

Related posts

  • Su Al di là di Prozac nel trattamento della depressione …

    Tu sei qui: Home / Salute mentale / On Beyond Prozac: trattamento della depressione e ansia naturalmente Se ho chiesto che cosa gravi condizioni di salute gli americani sono a maggior rischio di sviluppare in …

  • Spiritual Healing – trattamento della depressione …

    Un fatto Spiritual Healing Interessante Trattare con la sofferenza Dov’è Dio quando soffriamo? Molte persone hanno chiesto questa domanda. Quando Dio ci ha creati e ci ha fatto perfetto fino a quando il peccato era …

  • Superare la depressione Biblicamente …

    da Stephen Shober FINI DELL’ARTICOLO Il Berean Bible Society desidera avere una varietà di articoli della Berean Searchlight che coprono una gamma di argomenti da dottrinale Christian pratico …

  • Psicologia della Depressione psicodinamica …

    teorie psicologiche fornire spiegazioni basate sull’evidenza per il motivo per cui la gente pensa, si comportano, e sentire il loro modo di fare. fattori di personalità, la storia e le prime esperienze; e interpersonale …

  • Progressi nel trattamento CLL ha portato …

    Una conversazione con Kanti R. Rai, gt MD ‘; Tweet questa pagina Quattro decenni fa, Kanti R. Rai, MD. era determinato a capire il motivo per cui alcuni dei suoi pazienti affetti da leucemia linfocitica cronica (LLC) è morto …

  • Alleviare la depressione, alleviare la depressione.

    1 novembre 2006 COS’È STAR * D Attualmente, i praticanti hanno molte opzioni di trattamento efficace per i pazienti depressi, di cui 20 approvati dalla FDA farmaci antidepressivi così come diversi …